Portale Condominio: dedicato ai Condomini, Amministratori e Fornitori di beni e servizi Chi siamo | Contatti | Pubblicità  
 
 
 
 
NOVITÀ!
 
Portale dedicato ai condomini, amministratori e fornitori dove trovare risposte alle esigenze
della vita del condominio.
 
 
Informative tematiche, curiosità e notizie utili per il condominio.
 
 
Leggi, regolamenti, normative e giurisprudenza sul condominio.
 
 
Elenchi dei fornitori di servizi per il condominio.
 
 
Finanziamento condominio prodotto dedicato al finanziamento di spese straordinarie.
 
 
  Categorie
Amministratori
Ascensori
Riscaldamento
Impianto elettrico
Impianto idraulico
Ristrutturazione
Pulizia
Giardini e verde
Sorveglianza e portierato
Serramenti
Tendaggi
Antincendio
Assicurazioni
TV e Internet
Box e posti auto
     
 
NEWSLETTER
iscriviti mailinglist


Ricevi informazioni dal portale, iscriviti ora.

 
     
  CERCA NEL PORTALE  
 
Parola chiave: Nella sezione:
 
 
  Ascensori articoli  
   
Torna agli articoli
     
 
30-5-2011
Ascensore condominiale: ripartizione delle spese
 
Per individuare come vengono ripartite le spese riguardanti un ascensore condominiale è opportuno distinguere il caso in cui l’ascensore faccia già parte della struttura originaria dell’edificio o si decida la sua installazione in un secondo momento.

Se l’ascensore viene realizzato contestualmente all’edificio è da considerarsi ripartito tra tutti i condomini. Ne consegue che tutti i condomini saranno tenuti al pagamento delle relative spese ex art. 1123 c.c., salve deroghe previste anche in relazione all’utilizzo “in misura diversa” dell’impianto.

Se invece l’ascensore viene installato successivamente, la proprietà è soltanto di quei condomini che hanno contribuito economicamente alla sua realizzazione. In tal caso, solo questi saranno obbligati alla spese di manutenzione dell’impianto.

In ogni caso deve essere garantita la possibilità ai condomini originariamente dissenzienti di utilizzare l’ascensore in un momento successivo, previo pagamento pro quota della spesa sostenuta dagli altri per l’installazione e per la successiva manutenzione ordinaria e straordinaria.

Un altro criterio da tenere in considerazione è certamente quello dell’uso in proporzione diversa: l’art. 1123, comma 2, c.c. Dispone che se le cose comuni sono destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione dell’uso che ciascuno può farne.

L’ascensore, anche quando risulta essere al servizio di tutto l’edificio, rende maggiore utilità ai proprietari dei piani più elevati, che certamente ne fanno un maggior uso rispetto a quelli dei piani sottostanti, con la conseguenza che questi dovranno pagare una quota maggiore di spese.

Ci sono inoltre delle spese ordinarie e straordinarie che vanno ripartite tra tutti i condomini per il fatto stesso che l’ascensore esiste nell’edifico condominiale.

In linea generale, si può affermare che le spese relative al mantenimento e all’uso dell’ascensore - quali ad esempio le spese per la forza motrice, per la manutenzione ordinaria, per la sostituzione delle funi e, in genere, per la piccola manutenzione dell’impianto – vanno suddivise tra i condomini per metà in base all’altezza del piano dell’unità immobiliare servita dall’ascensore e per l’altra metà in base al valore millesimale di ciascun appartamento ex art. 1124 c.c..

Le spese straordinarie - quali la ricostruzione totale o parziale dell’impianto oppure la sostituzione della cabina e delle porte ai piani – vanno invece suddivise tra tutti i condomini proporzionalmente ai rispettivi millesimi di proprietà, comprese anche le spese necessarie per l’adeguamento dell’impianto di ascensore alla normativa dettata in tema di sicurezza che, mirando a salvaguardare l’incolumità delle presone, prescindono dalla diversa misura d’uso dell’ascensore.

Da notare­: i criteri appena illustrati sono da considerarsi alla stregua di principi generali, ricavati dalle norme del Codice civile, che ben potranno essere derogati da specifiche disposizioni inserite nel regolamento condominiale, adottate con le maggioranze richieste dalla legge.
 
Share |
  Stampa articolo  
 
     
 
     ©2011 Portalecondominio.it √® un progetto di Syriofinance di Peppino Marchini • P.I. 08060100966  •  Note legali  •  web by Effige comunicazione